Press enter to see results or esc to cancel.

Michela Bruni in Mobile Marketing

Best & worst practices in App Store Optimization

Al momento di lanciare sul mercato una applicazione mobile, di qualsiasi tipo essa sia, dovete avere ben strutturata la vostra strategia di app marketing. La parte di questa strategia che possiamo meglio controllare è l’ottimizzazione del titolo, la descrizione e altri elementi. Questo é ció che si chiama App Store Optimization, meglio conosciuto per le sue iniziali ASO.

Vediamo tutte le variabili ASO allo stato attuale. Da cose che possiamo controllare noi stessi come  il nome dell’app, l’icona dell’app mobile o il prezzo fino a quello che dipende dagli utenti come punteggi e valutazioni.

In varie occasioni abbiamo parlato di come trovare le keywords ASO che piú si adattano alla nostra app, anche di quali strumenti utilizzare per trovare quelle che piú sono piú adatte al nostro settore. In questa occasione andiamo ad analizzare cosa dobbiamo fare e cosa no in ciascuno dei punti di cui ci compone l’App Store Optimization.

app store optimization

Nome dell’app

E’ una delle parti piú importanti dell’ App Store Optimization, per quello dobbiamo prestare attenzione al titolo visto che sará la prima cosa che leggerá l’utente.

FARE

Inserire nel titolo il nome della marca o dell’app, includere nel titolo anche tra una e tre keywords. Utilizza gli strumenti adeguati per trovare le tue keywords ASO e ricorda che i termini piú importanti dovrebbero stare tra i primi 25 caratteri.

NON FARE

Uno degli sbagli piú comuni è utilizzare i 255 caratteri (in iOS). In Android hai un limite di 25 caratteri nel titolo. Non è necessario che arrivi al limite, scrivi solo quello che puó essere utile. Inoltre, l’uso di troppe keywords risulterá spam agli occhi dell’utente.

Dettagli dell’applicazione mobile

Un’altra parte importante dell’ASO è la descrizione che accompagna l’app. In Android ha un limite di 4.000 caratteri ed è importante per il posizionamento su Google Play. La descrizione in iOS non importa per la ricerca peró è molto rilevante a livello di marketing.

FARE

Cercate di inserire una descrizione con piú informazioni possibili sull’app. Spiega come funziona, in cosa consiste e le caratteristiche.

Scrivi un testo facile da leggere che includa un elenco di funzionalitá, cosí come un riassunto con la spiegazione dei punti che hai migliorato con gli aggiornamenti più recenti dell’app.

NON FARE

Nella descrizione dell’app evita paragrafi troppo densi. I testi lunghi sono piú difficili da leggere cosí otterrai che l’utente si annoi e non legga la descrizione e forse non scarichi l’app.

Il design del ‘App Icon’

Come giá sapete il design dell’icona di una app è molto importante, per questo dobbiamo considerare molti aspetti quando definiamo il design. Una tecnica per distinguersi dalle altre applicazioni è quella di utilizzare colori vivaci.

FARE

La cosa piú importante è creare una icona di app originale al 100%. Alcuni suggerimenti indicano di utilizzare una forma unica o un simbolo nel design dell’app, ma soprattutto farla in maniera semplice e piú riconoscibile possibile.

NON FARE

Alcune delle tecniche piú ricorrenti che non favoriscono nè il download, nè l’engagment in un app è realizzare icone troppo complesse. Questo vale anche per l’utilizzo di differenti colori, molte forme o con gran quantitá di testo scritto.

Design generale dell’app

Il design dell’app è rilevante anche per l’ App Store Optimization. Nello store si permetterá di includere immagini che illustrano com’è la tua app e per questo l’utente vedrá il design prima di scaricare l’app. Approfitta per dare una buona impressione anche prima del download.

FARE

Approfitta al massimo di questa funzionalitá degli stores. Inserisci 5 immagini (o screenshots) per mostrare la tua applicazione nella galleria di Google Play e Apple Store. E’ sempre una buona idea utilizzare screenshots di app per guidare gli utenti fino al cuore della tua app in modo da fargli conoscere le sue caratteristiche e come funziona prima di scaricarla.

NON FARE

Non è sempre una buona idea inserire solo gli screeshots richiesti per caricare l’ app. Approfitta nel caricare piú immagini. Questo può essere uno spazio per differenziare tua app dalla concorrenza. Usala bene!

app store optimization

Aggiornamenti dell’app

Se una applicazione si sviluppa e si inserisce nello store peró non si aggiorna piú, anche l’ASO verrá rapidamente colpito. Le applicazioni che non vengono aggiornate, che non si adattano ai nuovi dispositivi, alle nuove versioni dei sistemi operativi, che non riparano errori e bugs finiranno relegate agli ultimi risultati degli stores.

FARE

Provate ad aggiornare regolarmente la vostra applicazione mobile o gioco in modo da migliorare l’esperienza e la qualitá del tuo prodotto. Includi delle note nella descrizione in modo che gli utenti possano vedere quali sono stati i cambiamenti che hai realizzato.

NON FARE

Se c’è qualcosa che non devi mai fare è creare un app di successo è lanciarla lí. Questo tipo di app finirá convertendosi, senza nessun dubbio, in una delle mille apps zombies che esistono nei markets. Una app senza nessun o pochi aggiornamenti peggiorerá il suo ASO e finirá cadendo nei rankings degli stores, senza importare che sia iOS o Android.

Valutazioni e recensioni

Le “stelle” o le recensioni che ricevi da parte dei tuoi utenti sono assolutamente determinanti nei risultati di ricerca degli stores, ossia influiscono nell’ App Store Optimization in maniera diretta.

FARE

Per ottenere le prime valutazioni e aumentare il tuo punteggio incoraggia gli utenti attivi nella tua app a votarla. Puoi farlo inviandogli qualche notifica push che li indirizzi direttamente allo store.

Come suggerimento: cercate di avere almeno un centinaio di recensioni o feedback per ciascuna versione dell’app che si carica nello store. Controlla anche le possibili cadute nei rating per agire di conseguenza e migliorare gli errori che si vanno incontrando.

NON FARE

Non credere che la tua app sia perfetta. Non ignorare le reviews negative che gli utenti fanno sulla tua app. Cerca di migliorare gli aspetti che i tuoi utenti considerano negativi per l’UX e l’UI. Ricorda che se le tue valutazioni continuano a peggiorare è perchè sicuramente hai alcuni bugs ed errori da correggere.

Prezzo del download e acquisti in-app

Il prezzo di un app solitamente è il fattore determinante quando si vuole scaricare una app. Sebbene il prezzo non riguradi l’ASO, il numero dei downloads, si che lo fa, per questo devi studiare attentamente come monetizzare con la tua app.

FARE

Se guadagni per download offri un prezzo competitivo per la tua categoria specifica. Se invece si tratta di una app gratuita monetizzala inserendo all’interno acquisti e indica nella descrizione dello store che tipo di acquisti si possono fare.

NON FARE

Quello che non dovresti fare è mettere la tua app piú cara del resto delle applicazioni della tua categoria e soprattutto se lo fai sarebbe un errore enorme non indicare o non lasciare chiaro perchè è piú cara rispetto alle altre.

 

Portata e numero dei download

Giá lo abbiamo detto precedentemente la portata della tua app rigurda direttamente l’ App Store Optimization, e con “portata” ci riferiamo soprattutto al numero dei download negli store sebbene importano anche gli utenti attivi.  Allo stesso modo rigurderá negativamente coloro che scaricano l’app e la cancellano (o la disinstallano) in poco tempo.

FARE

Un modo per aumentare i download è sviluppare la tua app in varie lingue, cosí potrá raggiungere piú utenti in differenti paesi. L’inglese è un lingua basica che capisce quasi tutto il mondo, peró per l’utente sará sempre piú utile utilizzare l’app nella sua lingua madre. Alla stessa maniera sará importante sviluppare una app per essere compatibile con differenti dispositivi mobili e distinte versioni dei sistemi operativi.

NON FARE

Non è consigliabile per l’ASO lanciare una app solamente in inglese. Allo stesso modo lo è solamente per i nuovi dispositivi e i sistemi operativi piú recenti. Adatta la tua app ai cambiamenti del settore e migliorerai l’ ASO.

esperti-marketing

Commenti

Comments are disabled for this post