Press enter to see results or esc to cancel.

Marco Traversi in Sviluppo App Mobile

Come sviluppare un app? È questione di metodo

Come sviluppare un app è solo una delle domande che ci si può fare quando si ha un progetto in testa. Troppe sono le idee buone o rivoluzionarie che non riescono ad arrivare alla luce perché il percorso che si ha davanti per la sua realizzazione è davvero troppo tortuoso e pieno di lacune.

A prescindere da come sviluppare un app, rendere reale un progetto è  questione di metodo, determinazione ed entusiasmo che non deve mai crollare neanche di fronte a quella che potrebbe sembrare una palese sconfitta.

Normalmente quando si cercano informazioni in internet possiamo trovare un sacco di santoni ed esperti pronti a criticare i metodi degli altri oppure pronti a darti i migliori consigli su quali obbiettivi raggiungere senza far minimamente riferimento a come fare ciò o quale strategia applicare per capire come muovere i primi passi.

L’obiettivo di questo articolo è su come sviluppare un app ma può essere un metodo che si può adattare a diversi tipi di progetti.

Come sviluppare un app

Il mondo delle app è oggi caratterizzato da un mercato fortemente in espansione e quindi anche da una forte concorrenza; ad oggi negli store Google e Apple sono presenti milioni di app. che rende difficile trovare un’idea innovativa e ancora più difficile rendere visibile la nostra applicazione.

Il primo passo: (Il pensiero laterale la fa da padrone a questo punto)

Se si è un team bisogna mettersi al tavolo e iniziare a fare un po’ di brainstorming per tirare fuori dalla idea  semplice che era stata pensata, una particolarità di accessori e di utilizzi che renderanno la vostra app il più originale e con una personalità ben definita.

esempio di come fare un app

Il secondo passo: (È tutta questione di immaginazione, più forte è, più si arriverà vicini al traguardo)

Capire le finalità, ancora prima di sviluppare un app, serve a capire come l’app dovrà comunicare e quindi poter creare una strategia di comunicazione attraverso i colori, i font, il logo e l’architettura grafica della nostra app. Ad es. se un app. vuole essere informativa dovrà avere connotati più risoluti e una grafica più minimalista lasciando spazio ai contenuti, diversamente se serve a divulgare un eventi di divertimento, il disegno sarà il padrone e la grafica dovrà essere esplosiva.

Il terzo passo: (Iniziano con il problem solving)

Ora che abbiamo chiara l’idea di come sviluppare un app che sia come la vorremmo veder fatta, dobbiamo passare a definirla nei particolari e per farlo il miglior modo per arrivare al risultato è sfruttare il mercato cosi ampio di app.

Iniziare ad annotare tutte le funzioni , e le fonti da cui le attingiamo, che troviamo interessanti nelle altre app e che vorremmo vedere nella nostra, creando una specie di collage di  caratteristiche che formeranno il metodo di come sviluppare un app.

Il quarto passo: (servono i fondi e non è così difficile trovarli)

Ora su carta si può dire che l’app è finita. Ha un logo, una grafica e una serie di caratteristiche ben definite e chiare nella nostra testa.

Per iniziare se la vostra idea è ambiziosa e volete crearne un business, vi consiglio di iniziare ad affidarvi a dei professionisti per creare quanto meno il prototipo così da avere in mano l’idea realizzata e visibile a tutti ma senza collegamenti all’esterno e con funzioni solo dimostrative.

Questa tecnica vi permetterà di investire una cifra limitata rispetto a quella che dovreste recuperare per l’app completa che per sapere quanto costa, basta usare calcolatori automatici che ti mostrano quanto costerebbe creare un app. Per ridurre ulteriormente  i costi di tale sviluppo è bene affidarsi a piattaforme che hanno dentro di se una serie di sviluppatori con diverse competenze che possono darci una mano.

Per il prototipo ovvimente dovreste recuperare fondi propri attraverso autofinanziamento o finanziamento attraverso soci o amici che credono nell’idea. Oltre a queste opzioni potreste ricorrere al crowdfunding descrivendo dettagliatamente quanto vi serve e quale sia il vostro progetto.

Il quinto passo: ( pensa da imprenditore)

Ora hai il prototipo è hai le idee chiare, potrai trovare finanziatori istituzionali che possono sovvenzionare il progetto oppure attraverso l’acquisizione di soci investitori iniziando a divulgare l’idea o altrimenti procedendo nuovamente al crowdfunding.

come sviluppare un app con il crowdfunding

Ma se l’app funziona come vorreste e trovate un mercato dove posizionarla, vi assicuro che investitori o business angel sarà facile trovarli.  Iniziate ad agire e a pensare come se la domanda come sviluppare un app sia lontana anni luce, ora siete imprenditori.

Il sesto passo: ( Ora devi solo presentarti al mondo)

Una volta creata la tua app e capito ora come sviluppare un app o un qualsiasi altro progetto potrai finalmente dedicarti alla sua divulgazione.

come sviluppare un app con aso

Per prima cosa bisogna creare un sito web di presentazione dell’app per avere un luogo fermo dove le persone possono essere intercettate in rete; poi attivarsi sui social cercando di far passare il bisogno di quest’app, proprio quell’esigenza che vi ha spinto a crearla; infine fare una strategia ASO (App Store Optimization) ossia strategia di mobile marketing.  Tutta questa operazione so che risulta complicata ma se vi siete affidati ad una piattaforma di sviluppo dovrebbe darvi anche questo servizio ad un discreto costo aggiuntivo.

Commenti

Comments are disabled for this post