Home » Trends e Skills » 5 modi in cui l'Edge Computing influenzerà il futuro dell'IoT

5 modi in cui l’Edge Computing influenzerà il futuro dell’IoT

5 modi in cui l’Edge Computing influenzerà il futuro dell’IoT

Attualmente ci sono più di 3,5 miliardi di smartphone. Questi computer tascabili ci permettono di fare quasi tutto, e sono la nostra porta d’accesso a una gigantesca rete di dati, il “cervello” dell’informatica moderna. 

Questo modello centralizzato ha funzionato bene finora, ma con l’avvento dell’Internet degli oggetti (IoT), cominciamo a renderci conto che stiamo usando un sistema che ha bisogno di evolversi.

Indice – L’impatto dell’Edge Computing

Cos’è l’Edge Computing?

Si tratta di un sistema di analisi dei dati perimetrali, a metà strada tra il cloud e il dispositivo stesso, da cui giunge un ordine o un segnale da analizzare.

Più un dispositivo è in grado di eseguire un’elaborazione locale, meno dovrà dipendere dal cloud e quindi più veloce sarà. Questo problema dell’IoT è ciò che l’Edge Computing mira a risolvere.

Il seguente video spiega come funziona 👇🏻

La differenza tra Edge Computing e Cloud Computing

Gli assistenti vocali come Siri o Alexa di solito hanno bisogno di risolvere le loro richieste nel cloud e quel tempo in cui danno e ricevono l’ordine può essere molto importante. 

Un tempo di latenza, anche di pochi millisecondi, può essere cruciale, come ad esempio nel caso delle auto autonome, dove sono necessarie risposte immediate e che la latenza può significare la differenza tra la vita e la morte. 

 

Nell’edge computing, invece di fornire dati a un server centrale, è il dispositivo stesso che può raccogliere ed elaborare i dati in tempo reale, rispondendo in modo più rapido ed efficiente.

 

Nel cloud computing, tutti i dati vengono raccolti ed elaborati in un luogo centralizzato, di solito in un centro dati. Tutti i dispositivi che devono accedere a questi dati o utilizzare le applicazioni ad essi associate devono prima connettersi al cloud.

Ma ciò che manca in velocità, il cloud lo compensa in potenza e capacità. Affidandosi a un’infrastruttura di data center scalabile, è possibile espandere la capacità di archiviazione e di elaborazione in base alle esigenze. Questo integra i dispositivi edge che possono accumulare solo i dati raccolti localmente.

 

💡 Articolo consigliato | I vantaggi dell’automazione industriale intelligente (IPA)

 

Come l’Edge Computing influenza l’IoT

Il concetto di IoT si riferisce ad un’interconnessione digitale degli oggetti di uso quotidiano con Internet che ci permette di interagire con essi.

L’internet degli oggetti sta crescendo a un ritmo molto veloce e con esso la grande quantità di dati che produce. La gestione di questo enorme volume di informazioni è una sfida e l’edge computing potrebbe essere parte della soluzione.

internet of things
Internet of Things. Fonte: Uplash

#1 Migliora la sicurezza dei dati

Con l’internet delle cose aumenta il numero di dispositivi collegati e quindi anche l’esposizione ad attacchi alla sicurezza.

Con l’edge computing ogni dispositivo avrebbe la capacità di elaborare e memorizzare le proprie informazioni. Questi dati, non essendo trasmessi ai server centrali, riducono la probabilità di attacchi.

 

🔎 Continua a leggere | Cybersecurity per Startup (una guida step-by-step)

 

#2 Velocità

Il risparmio di larghezza di banda consentito dall’edge computing sarebbe un altro grande vantaggio per i dispositivi IoT. Potrebbero salvare solo le informazioni importanti in base al loro task e scartare il resto, evitando l’invio di dati inutili che rallentano Internet.

Inoltre, se le informazioni vengono memorizzate ed elaborate in un database locale, l’invio dei dati al cloud non è più necessario per ogni interazione, il che riduce i tempi di risposta.

#3 Costi

Il risparmio di larghezza di banda non influirà solo sulla velocità e sullo spazio occupato nel server, ma anche sull’investimento logistico per mantenere e aumentare le risorse IT in modo che le informazioni non smettano di fluire. I costi del cloud saranno notevolmente ridotti.

 

➡️ Continua a leggere | 7 Modi in cui i Big Data Influenzeranno il Business del Futuro

 

#4 Uso delle risorse/scalabilità

L’edge computing consente di realizzare estensioni sui dispositivi IoT in combinazione con i centri locali, in base alle loro esigenze. Questa scalabilità è meno costosa e può essere applicata in modo flessibile.

#5 Miglior rendimento dell’app (mobile edge computing)

Sia il miglioramento della velocità che della latenza, permette risposte che avvengono in tempo reale e che rispondono automaticamente agli stimoli rilevati dai sensori del dispositivo IoT. 

Sarà la fine del Cloud Computing?

Per esempio, quando facciamo una ricerca su Google, quel piccolo flusso di informazioni va nel cloud, viene elaborato e poi le informazioni di cui abbiamo bisogno ritornano sul nostro schermo.

I dispositivi IoT raccolgono molte informazioni che devono essere elaborate in tempo reale. Non c’è tempo per quei dati di andare e tornare al cloud centrale, quindi alcuni pensano che i giorni del cloud computing stiano volgendo al termine. Tuttavia, non crediamo che questo sia vero, in quanto l’edge computing Ã¨ complementare al cloud computing in diversi modi.

 

Anche se gran parte dell’elaborazione immediata e del processo decisionale avviene sul dispositivo stesso, sarà comunque necessario un cloud centralizzato per contenere le informazioni più importanti.

 

Sull’edge, si verificherà il rilevamento, l’inferenza e l’azione, mentre il cloud si concentrerà sull’apprendimento centrale. Successivamente l’apprendimento con quelle informazioni aggiornate viaggerà per aggiornare ogni dispositivo e mantenerli operativi e sempre aggiornati, senza che sia necessario per noi fare nulla. 

Uno degli aspetti chiave dell’apprendimento automatico è che richiede molti dati per imparare. Un modello che combina edge e cloud ha grandi quantità di dati che entrano in un punto centralizzato che rende i dispositivi sempre più intelligenti.

È improbabile che il futuro dell’infrastruttura di rete si basi solo sull’edge computing o sul cloud computing, ma piuttosto su entrambi. Dal momento che le imprese cercano di trasformarsi e di diventare più efficaci, molto probabilmente dovranno incorporare questi due modelli per trovare nuovi modi di massimizzare i rispettivi punti di forza e utilizzarli per superare le loro debolezze.

Proyecto Digital