Home » Digitalizzazione » Fondi europei per la digitalizzazione delle PMI 2022

Fondi europei per la digitalizzazione delle PMI 2022

Fondi europei per la digitalizzazione delle PMI 2022

Nel 2020, la pandemia COVID-19 ha marcato la necessità di prendere davvero in considerazione obiettivi di trasformazione digitale, costringendo molte aziende ad accelerare il loro ingresso nel mondo digitale.

Rendendosi conto che la digitalizzazione delle PMI non è più un’opzione ma un obbligo, l’Europa ha deciso di investire in capacità digitali strategiche per rimanere competitiva e restare al passo con Stati Uniti, Cina e Giappone.

Indice

Digitalizzazione della tua PMI: vantaggi e ostacoli

Ricorrere alla digitalizzazione è passato dall’essere una tendenza a una realtà che apporta più redditività e vantaggio competitivo, sia in termini di aumento delle vendite che di riduzione dei costi.

Molte aziende hanno capito che essere presenti nei canali digitali e avere una nuova anima digitale è essenziale per rimanere competitivi sul mercato.

Di tutti i vantaggi della digitalizzazione della tua pmi, questi sono i più importanti:

  • Esperienza del cliente migliorata
  • Ottimizzazione dei processi e quindi dei costi
  • Ottimizzazione del tempo
  • Raggiungimento degli utenti mobili
  • Un migliore processo decisionale
  • Risposta più rapida ai cambiamenti
  • Aumento della capacità analitica
  • Miglioramento della produttività
  • Riduzione del rischio
  • Decentramento del lavoro (smartworking)
Digitalizzazione delle PMI
Processi di digitalizzazione. Fonte: Unsplash

Ostacoli alla digitalizzazione delle PMI

Nonostante il fatto che la tecnologia sia diventata parte integrante della nostra esistenza, molte aziende hanno difficoltà a incorporarla nei loro processi in modo sicuro e coerente.

Questo è specialmente il caso delle piccole e medie imprese che devono superare alcuni limiti quando si tratta di sviluppare progetti tecnologici:

  • difficoltà nel diagnosticare la trasformazione digitale;
  • mancanza di cultura del cambiamento e resistenza al cambiamento nelle organizzazioni;
  • difficoltà nel definire progetti che abbiano un impatto reale e redditizio sulle loro organizzazioni;
  • difficoltà di trovare persone disposte a guidare il cambiamento e a portarlo avanti.

Fortunatamente, negli ultimi mesi molti imprenditori hanno capito l’importanza di digitalizzare la propria PMI.

Tuttavia, anche se gli imprenditori sono disposti a cambiare la propria mentalità e a favorire la digitalizzazione nei loro processi aziendali, mancano le risorse e i fondi economici.

In effetti, avviare il processo di digitalizzazione nelle aziende ha un costo, che in alcuni casi può essere piuttosto alto.

Per questo motivo, l’Unione Europea ha lanciato una misura finanziaria per aiutare le aziende. Il progetto si chiama “Programma Europa Digitale” e offre sostegno finanziario alle aziende che chiedono aiuto per realizzare progetti di innovazione e di trasformazione digitale.

 

👉 Articolo correlato: La digitalizzazione della tua impresa dopo il Covid-19

 

Cos’è il Programma Europa Digitale? Sussidi di digitalizzazione per le PMI 2022

Come rendere l’Europa più verde e più digitale sono le due sfide della nostra generazione. Ecco perché la Commissione europea sta aprendo le discussioni sul passaggio a un mondo più digitale: il passaggio al digitale.

Il Programma Europa Digitale è un nuovo programma di finanziamento dell’UE incentrato sull’apportare la tecnologia digitale alle imprese, ai cittadini e alle amministrazioni pubbliche.

Si tratta di un progetto di bilancio a lungo termine che durerà per il periodo di programmazione 2021-2027 e sarà dotato di 7,5 miliardi di euro (parte del Recovery Fund).

E6 Ebook transformación digital

Obiettivi del Programma Europa Digitale

La tecnologia e le infrastrutture digitali giocano un ruolo fondamentale nel nostro ambiente commerciale e nella nostra vita privata. Dipendiamo da loro per comunicare, per lavorare, per far progredire la scienza e per rispondere alle sfide ambientali di oggi.

Allo stesso tempo, la situazione nel 2020 ci ha mostrato quanto contiamo sul fatto che la nostra tecnologia sia a nostra disposizione, e quanto sia importante per l’Europa essere indipendente da sistemi e soluzioni di altre regioni del mondo.

Il Programma Europa Digitale, insieme agli strumenti forniti dal Recovery Fund e dall’European Green Deal, mira a raggiungere questi obiettivi:

  • accelerare la ripresa economica dell’Unione
  • plasmare la trasformazione digitale della società e dell’economia europea (specialmente per le PMI)
  • portare benefici a tutti: ai cittadini, alle amministrazioni pubbliche e in particolare alle piccole e medie imprese.

Come si svilupperà il Programma Europa Digitale

Con un budget totale di 7,588 miliardi di euro, Digital Europe è uno dei “grandi programmi europei” di questo settennio. In linea con questi obiettivi, il programma mira a facilitare la diffusione delle tecnologie digitali sostenendo progetti in cinque aree di capacità chiave:

  • Supercalcolo (2,2 miliardi di euro): rafforzare le capacità di supercalcolo e di elaborazione dati dell’UE acquisendo supercomputer ed estendendo il loro uso in settori di interesse pubblico;
  • Intelligenza Artificiale (AI) (2,1 miliardi): testare l’AI in aree strategiche e promuoverne l’uso da parte delle imprese e della pubblica amministrazione, con spazi e infrastrutture per la gestione dei dati;
  • Cybersecurity (1,6 miliardi di euro): promuovere il coordinamento tra strumenti e infrastrutture di dati e migliorare la cybersecurity e la sicurezza delle reti a tutti i livelli (infrastrutture, istituzioni, settore privato, economia);
  • Competenze digitali avanzate (600 milioni di euro): programmi, stage e perfezionamento per esperti in aree prioritarie (dati e intelligenza artificiale, cybersicurezza, calcolo quantistico e ad alte prestazioni);
  • Uso delle tecnologie digitali nell’economia e nella società (1,1 miliardi di euro): sostenere l’uso ad alto impatto delle tecnologie digitali in settori di interesse pubblico (ad esempio salute, Green Deal, comunità intelligenti, cultura); rafforzare la rete dei cluster europei di innovazione digitale; sostenere l’adozione di tecnologie digitali avanzate da parte dell’industria e delle PMI; sostenere la pubblica amministrazione e l’industria per attuare/accedere a tecnologie digitali di punta (come la blockchain) e creare fiducia nella trasformazione digitale.

 

📚 Potresti essere interessato a: Iperconvergenza: il futuro dell’infrastruttura digitale

 

Data di inizio del programma Programma Europa Digitale

Le convocazioni del Programma Europa Digitale sono già in atto.

I primi bandi del programma sono stati pubblicati tra ottobre e novembre con scadenza il 22 febbraio 2022.

Ormai da mesi le quattro grandi economie europee, Spagna, Germania, Italia e Francia, chiedono l’approvazione e l’attuazione del Recovery Fund, affinchè i 750 miliardi di euro concordati nel luglio dello scorso anno raggiungano gli Stati membri il più presto possibile.

La grande domanda è se le migliaia di PMI e imprenditori che riceveranno queste risorse saranno pronti ad investirle nella digitalizzazione delle proprie aziende.

Yeeply può aiutarti ad affrontare la digitalizzazione della tua PMI

Attraverso una rete di consulenti esperti in progetti di trasformazione digitale, il team di Yeeply può aiutarti a diagnosticare la tua azienda e i tuoi progetti digitali. Contattaci per una guida su quali processi sarebbero  più adatti per iniziare la digitalizzazione della tua pmi.

Transformazione Digitale