Home » Design » Consigli per implementare il Design Thinking nella tua Startup

Consigli per implementare il Design Thinking nella tua Startup

Consigli per implementare il Design Thinking nella tua Startup

Il Design Thinking è spesso visto come una semplice branca del design. Tuttavia, è molto di più. È qualcosa che può essere applicato in ogni campo, specialmente se si sta gestendo un’azienda o se si sta fondando una startup innovativa.

Se stai fondando una startup, significa che stai introducendo un nuovo prodotto o servizio sul mercato, qualcosa che probabilmente nessuno ha mai visto prima. Come fai a sapere che il tuo prodotto avrà successo? Il Design Thinking ti aiuta a rispondere a questa domanda.

In altre parole, il Design Thinking è un approccio basato sull’uomo che inizia con l’empatia con il tuo target e finisce con la progettazione di una soluzione per quest’ultimo. 

Design Thinking in 5 fasi

Il Design Thinking è composto da 5 fasi principali. Tuttavia, tieni a mente che questi non devono essere seguiti in un ordine specifico. Analizziamo ogni fase:

  • Empatizzare. Empatizzare con i tuoi futuri clienti significa capirli e ottenere maggiori informazioni sui loro bisogni ed emozioni in una specifica situazione. Questo è l’unico modo per creare le migliori basi per le fasi successive che attraverserai.
  • Definire. La seconda fase riguarda la sintesi dei risultati della prima fase e la definizione di un problem statement che ti aiuterà a trovare la soluzione migliore. Include tre punti chiave: l’utente, il bisogno e la motivazione.
  • Ideare. La terza fase è dedicata alla progettazione di una soluzione per il problema che abbiamo definito prima. L’obiettivo principale è quello di trovare quante più idee possibili e poi selezionare le migliori. L’attività più comunemente usata in questa fase è la tecnica del brainstorming. In seguito bisogna selezionare le idee migliori.
  • Prototipo. La prototipazione è un modo per testare le tue idee in modo economico, senza affrontare rischi elevati. Consiste nel costruire una versione ridotta del tuo prodotto e vedere come il tuo pubblico risponderà ad esso. I prototipi possono essere divisi in due categorie principali: prototipi lo-fi, che sono solo un’immagine parziale del prodotto finale; e prototipi hi-fi, che sono modelli più simili al prodotto finale, sia nell’aspetto che nelle funzionalità.
  • Test. Il feedback degli utenti non ha prezzo. Ecco perché questo passo è cruciale. In questa fase, testa il tuo prototipo tra il tuo target di riferimento. Ascolta il loro feedback e regola il design del tuo prodotto se necessario.

Consigli per implementare il Design Thinking in una startup

Secondo CB INSIGHTS, il 42% delle startup muore perché il mercato non ha bisogno di ciò che offrono. Questa è la ragione principale per cui dovresti usare il Design Thinking nella tua startup: puoi ridurre al minimo il rischio di fallire di quasi il 50%.

In questo senso, ecco una metodologia di Design Thinking, specificamente progettata per le startup nei loro primi anni di vita. 

riunione in ufficio
Brainstorming. Fonte: Unsplash

Definisci i tuoi buyer persona

Usa le tue ricerche di mercato e i dati per definire le tue buyer personas. I BP sono rappresentazioni semi-fantastiche dei vostri clienti ideali che vi forniranno intuizioni significative per la vostra azienda.

Il primo passo è definire il loro background e i dati demografici come il sesso, l’età, la famiglia e la carriera. In secondo luogo, dovresti identificare i loro punti deboli, gli obiettivi e i dubbi. In base a queste buyer personas, progetta le tue proposte di valore per ognuno di loro, concentrandoti direttamente sui loro punti deboli.

Determina una soluzione

In base alle Buyer Persona che hai definito, fai delle sessioni di brainstorming per trovare diverse soluzioni al problema principale. Successivamente, traduci queste soluzioni in caratteristiche da implementare nel tuo prodotto. 

Se le soluzioni sono diverse per ogni tipo di BP, prova a strutturare diverse versioni del tuo prodotto, come regular e premium. Puoi assegnare ogni versione ad ogni specifico tipo di cliente.

Testa il tuo prodotto

Dopo aver progettato la tua offerta, è il momento di testare il tuo prodotto. Fornisci al tuo pubblico di riferimento una versione limitata/prototipo del tuo prodotto e osservalo mentre lo usa. Fai domande dirette sull’esperienza e verifica se soddisfa le loro aspettative o no.

Dopo aver testato il prodotto, trai le tue conclusioni e decidi se c’è qualcosa che deve essere cambiato. In questo caso, aggiorna il tuo prodotto e testalo di nuovo finché non sei soddisfatto del risultato.

Lancia e migliora

Dopo il lancio del prodotto, non è finita. Raccogliere il feedback degli utenti è essenziale per migliorare la tua  offerta in futuro.

Tieni presente che avere tutti lo stesso obiettivo è fondamentale in un’organizzazione. In questo senso, il design thinking potrebbe essere visto come un obiettivo comune per tutti i membri dell’azienda.

post-it
Tecniche di brainstorming. Fonte: Unsplash

Caso di studio: Airbnb and Credexia

Oggi Airbnb è una delle aziende più conosciute al mondo. Tuttavia, hanno dovuto affrontare sfide difficili in passato. Nel 2009, le loro entrate erano stagnanti e i loro profitti erano minimi. 

Per superare questa situazione, si sono affidati al tipico principio del design thinking: concentrarsi sui loro clienti. Hanno deciso di andare a New York per mostrare ai proprietari di immobili come fare e pubblicare immagini migliori delle loro proprietà. Mettendosi nei panni degli utenti, hanno ottenuto grandi risultati, registrando un rapido aumento delle entrate.

In Yeeply, abbiamo anni di esperienza nel sostenere le startup nelle loro prime fasi di sviluppo. In questo senso, vorremmo citare la startup Fintech Credexia. Sono una startup che offre la possibilità di confrontare diversi servizi bancari in modo obiettivo e dettagliato. Il tutto è accompagnato da un sistema di rating affidabile e un sito web user-friendly.

Il processo di design thinking di Credexia è iniziato con un’analisi della buyer persona, che li ha aiutati a definire i punti dolenti che dovevano affrontare con il loro servizio. Di conseguenza, uno dei team di sviluppo di Yeeply ha creato il sito web. Così facendo, hanno avuto il miglior risultato possibile, senza assumere nuove risorse. 

Conclusione

Ora che sai quanto è importante il Design Thinking, è il momento di implementarlo nella tua startup. Tuttavia, vogliamo ricordarti alcune questioni importanti. 

In primo luogo, assicurati che i professionisti che sceglierai, sappiano cosa stanno facendo. Prova a controllare se hanno già fatto progetti simili al tuo. In questo modo, saranno più efficienti.

In secondo luogo, tieni a mente che sia il team di progettazione che quello di sviluppo dovrebbero lavorare mano nella mano per consegnare il miglior prodotto. Se non c’è un’adeguata comunicazione tra le due parti, il risultato non sarà come ti aspettavi e non rifletterà la tua visione iniziale.

Yeeply, con i suoi molteplici team certificati, ha una lunga esperienza nel fornire servizi multidisciplinari alle startup che vogliono basare le loro attività principali sul mondo digitale. Se vuoi saperne di più sul design thinking e su cosa serve per iniziare un progetto con noi, parlaci della tua idea. Saremo felici di aiutarti!

 

Proyecto Diseño

[easy-social-share]