Home » Digitalizzazione » Perché investire in cybersicurezza è fondamentale per la tua PMI

Perché investire in cybersicurezza è fondamentale per la tua PMI

Perché investire in cybersicurezza è fondamentale per la tua PMI

Molte piccole e medie imprese (PMI) hanno fatto il salto al canale online nell’ultimo anno in fretta e furia, a volte dimenticando i protocolli di cybersicurezza.

L’86% dei professionisti in materia di sicurezza informatica aziendale hanno rilevato un aumento degli attacchi informatici. Non ci sono solo conseguenze a livello di dati aziendali, infatti anche i clienti chiedono che i loro dati siano sicuri e l’85% degli utenti di business online dicono che non comprerebbero da un sito web senza un certificato SSL

Indice

Quali sono le minacce informatiche per una PMI?

Comprendere ed essere consapevoli delle minacce informatiche che circondano le PMI è la chiave per una buona sicurezza informatica, in quanto questi pericoli sono in continua evoluzione e possono avere molteplici facce, che vanno dalle minacce alla sicurezza mobile, agli attacchi di phishing e social engineering, al furto di identità.

Oltre a causare danni all’azienda stessa, circa il 60% delle PMI falliscono entro sei mesi da un attacco informatico, perché queste violazioni della sicurezza portano a una mancanza di fiducia da parte dei loro clienti, che smettono di comprare o contrattare i loro servizi.

 

👉  Articolo correlato: Cybersecurity per Startup (una guida step-by-step)

 

Di seguito elenchiamo i tipi più comuni di minacce informatiche in modo che tu ne sia consapevole e possa iniziare a proteggerti da loro:

Bassa consapevolezza

Quando i dipendenti di un’azienda sono consapevoli della sicurezza informatica, significa che capiscono cos’è una minaccia, da dove viene e l’impatto che può avere sull’azienda. Una buona educazione e consapevolezza significa sapere quali misure attuare per evitare che il crimine si infiltri nell’azienda e causi ulteriori danni.

Furto di informazioni digitali

Si tratta del furto di dati memorizzati su computer, server o dispositivi elettronici, con l’intenzione di compromettere la privacy e ottenere informazioni riservate. Le informazioni rubate possono essere di vario tipo, come numeri di carte di credito o di conti bancari, numeri di patente o cartelle cliniche.

Phishing

Questo è uno dei metodi più comuni. Si tratta di un attacco di phishing via e-mail dannose, che mira a ottenere l’accesso al software della vittima attraverso un programma malware che viene scaricato tramite un allegato.

Se la persona che riceve l’email malevola apre l’allegato, il malware viene scaricato e permetterà agli hacker di accedere a informazioni sensibili e preziose.

Attacchi DDoS (Distributed Denial of Service)

Un attacco DDoS (distributed denial of service) è un tentativo maligno di rendere un servizio online non disponibile per gli utenti. Invia richieste multiple alla risorsa web attaccata, con l’intento di sovraccaricare la capacità del sito web, interrompendo o sospendendo temporaneamente i servizi del server.

Suggerimenti per prevenire le minacce di cybersicurezza alla vostra PMI

La cybersicurezza nelle aziende non è solo un problema tecnologico, ma coinvolge anche la gestione dei processi e il lavoro che svolgono i dipendenti, dato che sono loro a gestire e utilizzare i dispositivi dell’azienda per lavorare con le informazioni.

Come azienda, dobbiamo formare i nostri dipendenti in materia di cybersicurezza, tenendo sempre presente le politiche, i regolamenti e le procedure di sicurezza stabilite, controllando che le buone pratiche siano rispettate e realizzando azioni di sensibilizzazione e consapevolezza dei dipendenti su base continua.

E6 Ebook transformación digital

Elenchiamo alcuni consigli di cybersecurity utili per le PMI:

Investire in una cultura della sicurezza informatica

Come abbiamo già detto, è essenziale sensibilizzare e istruire i dipendenti in materia di cybersicurezza, ponendo le basi per la protezione delle nostre informazioni riservate, così come quelle dei nostri clienti e fornitori. Le sessioni di formazione sono essenziali e garantiranno che i dipendenti usino software approvati, abbiano password sicure e sappiano come rilevare i potenziali attacchi.

Modifiche alla politica degli utenti

L’implementazione di politiche che limitano la capacità degli utenti di installare software non autorizzati sui dispositivi di lavoro, richiedendo ai dipendenti di utilizzare l’autenticazione a più fattori e chiedendo loro di utilizzare un software di sicurezza di cui l’azienda si fida, aiuta a proteggere l’organizzazione.

 

📚 Potrebbe interessarti: Il possibile impatto del Blockchain nel mondo del marketing

 

Usare strumenti di sicurezza intelligenti

Ci sono diversi strumenti di monitoraggio e anti-malware disponibili sul mercato a prezzi competitivi che possono proteggere tutta la nostra rete. Un buon strumento di cybersicurezza per le PMI avrà l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale integrati per migliorare i tassi di rilevamento. Questo include la gestione dei dispositivi mobili, come Microsoft 365 e Gravityzone Advanced Business Security.

Backup

Eseguire il backup di tutti i computer su base ricorrente, almeno settimanalmente, per proteggere dati e informazioni importanti, come documenti di elaborazione testi, fogli di calcolo, database o file finanziari.

Utilizzare un firewall

Se hai una rete Wi-Fi per il tuo business, assicurati che sia sicura, criptata e nascosta. Per nascondere la rete Wi-Fi, dobbiamo configurare il punto di accesso wireless o il router per non trasmettere il nome della rete, noto come Service Set Identifier (SSID), per tenerti al sicuro da potenziali attacchi e furti di dati.

Protezione dei dati per la tua PMI
Utilizza un VPN. Fonte: Pexels

Fenomeni a cui fare attenzione per prevenire gli attacchi informatici

C’è un numero crescente di imprese che operano su internet, e i metodi fraudolenti utilizzati dagli hacker stanno diventando più complessi, ma allo stesso tempo, c’è ancora mancanza di consapevolezza di questi crimini per prevenirli.

La maggior parte delle persone pensa “non succederà a me”, ma la realtà è che qualsiasi persona o azienda è un potenziale bersaglio.

Ogni azienda, indipendentemente dalle dimensioni, dovrebbe educare i suoi dipendenti sulla sicurezza informatica, insegnare come proteggere i dati personali rispettando alcune pratiche sicure, come mantenere il software aggiornato e avere una solida gestione delle password, nonché una strategia di backup per garantire la protezione dei dati personali online.

Se non riuscirai a prendere queste misure minime, sarai vittima dei nostri stessi errori e ne subirai le conseguenze, che saranno molto più costose da riparare, rispetto all’ investire nella prevenzione degli attacchi.

Tieni d’occhio questi elementi per migliorare la sicurezza informatica della tua PMI:

Attività del database

Un’attività insolita nel tuo database potrebbe essere il risultato di attacchi sia interni che esterni. Osserva i segni come l’aumento del numero di dati, le modifiche apportate alle autorizzazioni o agli utenti.

Abuso di account

Quando si abusa degli account riservati, ciò indica un attacco interno. Devi prestare attenzione all’accesso a informazioni riservate quando non è necessario.

Accesso insolito dell’utente

Quando ci sono cambiamenti sospetti nell’accesso degli utenti, è indicativo di un hacker esterno che cerca di ottenere l’accesso alla nostra rete aziendale. Dovremmo tracciare gli account a cui si accede, i tentativi di accesso remoto e il tracciamento dei tentativi di accesso falliti.

Modifiche ai file

Un altro segnale di un attacco ai dati si riscontra nel rilevamento di cambiamenti nella configurazione dei file. Questo include la comparsa di nuovi file, cancellazioni e modifiche ingiustificate.

Comportamento su Internet

Devi prestare  attenzione al funzionamento della rete aziendale e rilevare il più presto possibile cambiamenti anomali nelle prestazioni della rete o violazioni di protocollo, perché questi possono essere segni critici di un attacco.

Cambiamenti rilevati dai dipendenti

I dipendenti possono rilevare attività sospette prima dell’azienda stessa, poiché possono ricevere strane notifiche antivirus, vedere pop-up eccessivi, barre degli strumenti non autorizzate, o notare che internet sta rallentando. Questi segnali non significano necessariamente un attacco informatico, ma sono eventi che devono essere analizzati.

Conclusione

Quando si vuole iniziare un processo di trasformazione digitale per la propria azienda, considerare la cybersicurezza come un elemento su cui investire è fondamentale. Spesso questo tipo di investimento può sembrare superfluo, ma proteggere i dati e le informazioni della tua azienda e dei tuoi clienti è necessario per evitare di sostenere grandi costi in caso di vulnerabilità. Inoltre, garantire la sicurezza assoluta ha anche grandi benefici per la percezione della tua PMI da parte dei tuoi clienti.

Se sei nuovo del settore, parla con i nostri esperti di sicurezza informatica. Saranno in grado di indicarti le aree della tua PMI che hanno bisogno di intervento per risolvere minacce di rete.

Transformazione Digitale

[easy-social-share]