Home » Marketing » Neuromarketing: cos'è e come utilizzarlo in un'azienda
Neuromarketing: cos’è e come utilizzarlo in un’azienda

Neuromarketing: cos’è e come utilizzarlo in un’azienda

In un mercato saturo di opzioni, dove aziende diverse coprono le stesse esigenze, il neuromarketing ci permette di creare nuovi fattori che fanno risaltare i nostri prodotti. 

Questo settore del marketing si basa sui nostri istinti più primari per influenzare il nostro processo decisionale al momento dell’acquisto. In un mondo dominato dalla logica, potrebbe sembrare una follia, eppure funziona.

Indice

Cos’è il neuromarketing?

Il neuromarketing è una branca del marketing che si avvale di un insieme di tecniche e conoscenze scientifiche, più specificamente nell’ambito delle neuroscienze o le scienze cognitive, per studiare, spiegare e prevedere il comportamento di un cliente.

L’obiettivo finale è quello di immergersi nel subconscio del consumatore per poter influenzare il processo decisionale quando il consumatore effettua un acquisto.

In questo video potete scoprire di più su come funziona il neuromarketing:

Vantaggi del neuromarketing 

Il cervello umano è diviso in due, una parte che elabora le informazioni in modo cosciente o razionale e l’altra che le elabora a livello inconscio o irrazionale.

Il neuromarketing attraverso dati oggettivi basati sulla risonanza magnetica (MRI), la magnetoencefalografia (MEG) o l’elettroencefalogramma (EEG), è in grado di misurare le reazioni che si verificano nella nostra parte inconscia quando cambiamo elementi dell’ambiente come la luce, i colori o gli odori e scoprire come questi cambiamenti influenzano il processo decisionale, presumibilmente cosciente.

Tutte queste informazioni aggiuntive sulle reazioni inconsce non possono essere raccolte attraverso i tradizionali mezzi di marketing e servono a fare scelte migliori nella nostra strategia di prodotto. 

Alcuni vantaggi dell’applicazione del neuromarketing:

1. Aumentare la conversione

Attraverso il neuromarketing possiamo sfruttare al meglio gli elementi precisi che innescano l’acquisto, invece di cercare di trovare la combinazione migliore. In questo modo si risparmia tempo e si generano ricavi più velocemente.

2. Regolazione della value proposition

Secondo la psicologia del marketing, Il tuo sito ha solo pochi secondi per impressionare il consumatore con la tua value proposition (chi sei, cosa fai e perché la gente dovrebbe comprare da te). Il neuromarketing può aiutarci a ottimizzare il lato web e la conversione.

3. Ottimizzazione del carrello

I consumatori sono molto ansiosi di completare un acquisto e quest’ansia non sempre è alleviata dalla garanzia di reso o dalla consegna sicura. 

Conoscendo i dubbi dell’inconscio, possiamo ridurre l’abbandono del carrello e aumentare la conversione fino al 30%.

4. Selezionare il packaging che funziona meglio

Il neuromarketing misura molto bene la reazione del consumatore alle caratteristiche del design (colore, immagini o font).

Esempio: secondo le scienze cognitive, gli involucri di patatine beige opaco, al contrario dei sacchetti lucidi con immagini colorate, funzionano meglio perché gli involucri neutri sono percepiti come più naturali e non provocano sensi di colpa al momento dell’acquisto.

 

🔎  Continua a leggere: 7 Trends che Devi Sapere per Creare un eCommerce di Successo

 

Esempi di aziende che applicano il neuromarketing

I brand sanno cosa pensa il consumatore e lo comprendono attraverso tecniche di ricerca diretta come sondaggi, focus group e interviste. Sono in grado di analizzare il comportamento dei consumatori con tecniche di osservazione, ma in un mercato in cui la concorrenza è in aumento, queste informazioni possono essere insufficienti.

Ecco perché marchi come Coca-Cola, Hyundai ed Ebay sono costretti ad adottare approcci sempre più innovativi nella valutazione dei loro prodotti per i clienti. 

👇🏻  Qui potete vedere la pubblicità della Volkswagen che grazie a uno studio di neuromarketing ha vinto il Super Bowl qualche anno fa.

Possiamo dividere le aziende che utilizzano il neuromarketing in tre grandi gruppi:

1. Aziende specializzate che offrono servizi di neuromarketing e realizzano studi per i brand.

L’obiettivo di queste aziende è quello di realizzare e offrire studi per analizzare, a livello emotivo e cognitivo, i diversi aspetti di una strategia di marketing, come le campagne pubblicitarie, un prodotto o il suo packaging.

2. Aziende che sviluppano e vendono le tecnologie necessarie per realizzare studi di neuromarketing.

Sviluppano tecnologie e programmi che si adattano più facilmente ad essere utilizzati sia nelle ricerche di mercato che a livello sanitario. La misurazione e l’analisi delle risposte fisiologiche e comportamentali è semplice e può essere tradotta in informazioni preziose per il marketing e la comunicazione.

3. Aziende che offrono sia ricerche per altre imprese, sia il supporto fisico in modo da poter effettuare gli studi stessi.

Sono in grado di offrire entrambi i servizi per coprire tutte le esigenze che una certa azienda può avere.

Alcune aziende che sviluppano software per vari brand per eseguire i propri test sono Bitbrain, iMotions o NeuroFocus. 

Come applicare il neuromarketing nella vostra strategia di marketing

Dagli studi che sono stati effettuati sul neuromarketing nel corso degli anni, sono stati individuati alcuni accorgimenti che possiamo implementare nella nostra strategia di marketing: 

1. Utilizzare un linguaggio semplice

I font semplici con larghezza costante e non troppi dettagli funzionano meglio di qualcosa di troppo appariscente. Più è facile da leggere, meglio funzionerà.

2.     Dite allo spettatore cosa fare

Se volete che il consumatore guardi un paio di scarpe, secondo la psicologia del marketing, potete mostrare un annuncio con una donna che guarda un paio di scarpe. Quando noi chiamiamo all’azione e la mettiamo in evidenza, amplifichiamo l’atto inconscio dell’agire. 

3.     Dare opzioni limitate per evitare la paralisi delle decisioni

Ci sono momenti in cui offrire troppe opzioni è controproducente perché paralizza il consumatore. È meglio dare loro la possibilità di scegliere tra alcune opzioni.

4.     Eseguire i test A/B

Si tratta di test per valutare cosa funziona e cosa no. Quando lanciate una campagna dovreste testare la lingua, i colori o le fasi di pagamento, per vedere a quali opzioni i vostri consumatori rispondono bene.

5.     Raccontare storie interessanti

Uno dei modi migliori per attirare l’attenzione di qualcuno è quello di raccontargli una storia. Può aiutare i consumatori a maturare un’associazione positiva con il tuo marchio.

 

💡 Potrebbe interessarti: I migliori esempi di digital branding nelle aziende tecnologiche

 

Conclusione

È chiaro che le aziende che non sono in grado di personalizzare le interazioni con i clienti in base alle loro esigenze e alle loro aspettative sono destinate a scomparire. 

Il marketing oggi richiede la conoscenza del cliente ad un livello molto più profondo di quanto i moduli web, i focus group o l’osservazione possano consentire.

Sembra che il futuro della pubblicità sia quello di combinare i metodi tradizionali con il neuromarketing per avere una visione globale del consumatore. Separate, entrambe le tecniche sono insufficienti, ma quando vengono combinate, l’aumento delle conversioni è spettacolare e siamo sicuri che si continuerà a parlare di loro ancora per molto tempo.

Proyecto Marketing

Scritto da

Yeeply
Yeeply

Yeeply è una piattaforma specializzata nello sviluppo di applicazioni mobile e siti web personalizzati. Dal 2012 i nostri clienti si affidano a noi per lo sviluppo dei loro progetti e noi lavoriamo con professionisti certificati a livello tecnico: sviluppatori di app mobile o sviluppatori web freelancer, grandi software house ed agenzie. Creare un’app o un sito web non è mai stato così veloce, semplice e sicuro! Pubblica il tuo progetto digitale su Yeeply e rendi la tua idea realtà, il nostro team ti guiderà nel processo.